Studio di Psicologia Dott. Carlo Marchi

Accade molte volte che arrivi in studio un paziente che soffra di depressione resistente al trattamento.
Sono pazienti non semplici da trattare dato il loro l’evento livello di sofferenza.
La frase più comune è “le ho provate tutte, lei è la mia ultima spiaggia”
A questo punto è corretto porsi delle domande:

Il paziente affetto da TRD può guarire?

Il contesto in cui vive è importante nel decorso del suo disturbo?
La TRD deve essere trattata come una malattia cronica?
Gabor I Keitner 1, Abigail K Mansfield danno una risposta a queste domande in senso positivo aprendo una finestra di speranza per chi soffre di TRD.
Il metodo Self Awareness che poggia le sue basi anche su tecniche di pensiero positivo e gestione dell’intelligenza emotiva può essere un buon strumento per alleviare i sintomi della TRD.

Gestione della depressione resistente al trattamento (TRD)
Gabor I Keitner 1, Abigail K Mansfield

Dati i limiti dell’evidenza per le opzioni di trattamento che sono costantemente efficaci per la TRD e la possibilità che la TRD sia in realtà una forma di depressione che ha una bassa probabilità di risoluzione, come possono gli psicoterapeuti aiutare i pazienti con TRD?

Forse il cambiamento concettuale più importante che deve avvenire prima che il trattamento possa essere utile è accettare la TRD come una malattia cronica, una malattia simile a molte altre, che può essere gestita efficacemente ma che non lo è, al nostro attuale livello di conoscenza, probabilmente guarirà.

Un’indebita attenzione alla remissione o anche una diminuzione del 50% dei sintomi pone obiettivi irrealistici sia per i pazienti che per i terapeuti e può portare a un trattamento eccessivo e demoralizzazione.

L’attenzione dovrebbe essere meno sull’eliminazione dei sintomi depressivi e più sul dare un senso e sull’imparare a funzionare meglio nonostante loro.

Riconoscere la natura del disagio

È importante riconoscere la natura difficile della malattia depressiva, rimuovere la colpa del paziente e dello piscoterapeuta per il mancato raggiungimento della remissione, stabilire aspettative realistiche e contribuire a promuovere un migliore funzionamento psicosociale anche di fronte a sintomi persistenti.

L’elemento critico quando si implementa un tale approccio è un equilibrio giudizioso tra il mantenimento della speranza di miglioramento senza stabilire aspettative irrealistiche.

È importante sottolineare nuovamente che seguire un modello di gestione della malattia con l’accettazione della realtà di una malattia cronica non è nichilista e non significa abbandonare la speranza di miglioramento.

Il primo passo per il trattamento

Il primo passo nel trattamento di un paziente con TRD è eseguire una valutazione completa della storia del trattamento passata e attuale del paziente per garantire che siano stati effettivamente intrapresi studi di trattamento basati sull’evidenza e, in caso contrario, tali studi di trattamento dovrebbero essere implementati.

Se il paziente continua ad avere sintomi residui significativi, è importante determinare l’impatto di questi sintomi sulla qualità della vita e sulla capacità di funzionare del paziente.

È anche importante valutare i fattori che possono contribuire alla persistenza dei sintomi depressivi come disturbi della personalità in concomitanza, disturbi somatici, abuso di sostanze e conflitti lavorativi e interpersonali.

Il trattamento

Il trattamento dei pazienti con TRD deve andare oltre i tentativi di modificare i sintomi senza prendere in considerazione e tentare di modificare la personalità del paziente, le capacità di coping e il sistema sociale.

Se il paziente e il terapeuta lo desiderano, possono essere intraprese ulteriori prove di trattamento somatico, poiché una piccola percentuale (5% –15%) di pazienti può rispondere e ulteriori prove di trattamento, e questo può generare speranza.

Il rischio con questo approccio è che pazienti e terapisti potrebbero non lavorare sulle capacità di gestione della malattia se credono che potrebbe esserci una risoluzione della depressione se solo potessero trovare il farmaco o l’intervento giusto.

I terapeuti possono anche sentirsi sotto pressione da pazienti, famiglie, compagnie di assicurazione, così come dal loro stesso senso di impotenza, per intensificare il trattamento in modo sempre più aggressivo nel tentativo di ottenere una remissione sfuggente.

Un programma di gestione

Un programma di gestione della malattia può fornire al terapeuta e al paziente una struttura, abilità e obiettivi sufficienti per incoraggiare il trattamento in corso senza ricorrere a misure non provate che possono creare più effetti collaterali e problemi.

È particolarmente importante includere le altre persone significative del paziente nella riformulazione del problema del paziente e quindi imparare a gestire la malattia in modo più efficace.

Altre persone significative e membri della famiglia possono essere inestimabili nel fornire supporto per affrontare il difficile processo di acquisizione di un nuovo set di abilità.

In effetti, trascorrono molto più tempo con il paziente rispetto a qualsiasi terapista.

È probabile che i membri della famiglia forniscano questo tipo di supporto solo se hanno fatto parte del processo di valutazione e trattamento.

I pazienti con una vasta gamma di malattie mediche croniche possono imparare e imparano a funzionare in modo efficace ea raggiungere una qualità di vita soddisfacente nonostante la loro malattia.

Non c’è motivo di pensare che i pazienti con TRD non dovrebbero essere in grado di raggiungere un livello simile di gestione della malattia, funzionamento e qualità della vita.

Tratto da PubMed
Review
Psychiatr Clin North Am
. 2012 Mar;35(1):249-65.
doi: 10.1016/j.psc.2011.11.004. Epub 2011 Dec 21.